The Sports Archives – Miracolo di hockey su ghiaccio maschile negli Stati Uniti del 1980

Questa foto di autore sconosciuto è concessa in licenza con CC BY-NC-SA

Se parlassi con un appassionato di sport americano oggi e dicessi che una vittoria nel 1980 contro la squadra di hockey su ghiaccio dell'Unione Sovietica è stato un risultato straordinario, non sarebbero troppo sicuri della tua affermazione. È qualcosa che puoi comprendere appieno solo se stessi vivendo quei giorni.

Se guardiamo indietro agli anni '70 e all'inizio degli anni '80, è ovvio per tutti che l'Unione Sovietica era la prima squadra sul ghiaccio in quegli anni. Anche i canadesi non potevano avvicinarsi a loro, e gli Stati Uniti non erano certo una squadra che avrebbe dovuto reggere il confronto. Anche quando raggiunsero la finale alle Olimpiadi invernali del 1980, tutti si aspettavano una botta.

Anche le previsioni pre-partita più ottimistiche dicevano che sarebbe fantastico se gli Stati Uniti lo rendessero competitivo. Altri dicevano che sarebbe fantastico se gli americani riuscissero a fare un gol e non subirne troppi alla fine. Una sconfitta per 3-1 sarebbe qualcosa che sarebbero orgogliosi di vedere, data la potenza dell'Unione Sovietica in quello sport, e in quel momento.

Ma gli americani sono andati oltre. I giocatori hanno messo su il gioco della loro vita e sono emersi come vincitori 4-3. Nella maggior parte di questi casi, è un attacco iniziale che decide il gioco. Ma gli americani sono cresciuti in questo gioco. Il punteggio è stato di 2-2 dopo il primo periodo, e l'Unione Sovietica era in vantaggio di 3-2 alla fine del secondo periodo. In questo momento, la maggior parte si aspettava che sarebbero scappati via con esso. Ma gli americani avevano altre idee.

Si sono mobilitati e hanno segnato due gol senza risposta nel terzo periodo e hanno vinto la partita 4-3. È stata una partita fantastica, non solo per il risultato, ma per quello che ha significato per gli Stati Uniti. È stata una vittoria sul "nemico", in uno sport in cui non avrebbero dovuto avere alcuna possibilità. Certo, il vantaggio del campo di casa ha giocato la sua parte, ma anche quel pubblico di New York non si aspettava nulla dai loro eroi quella notte.

L'Unione Sovietica aveva alcuni giocatori incredibili in quel roster, e il migliore tra loro era Vladislav Tretiak. Era considerato da tutti come il miglior portiere del mondo in quel momento. Non era al suo meglio nel gioco, però, ed è stato sostituito dal suo allenatore dopo il primo periodo. È stata una mossa scioccante per molti e alla fine non ha pagato.

I giochi sportivi sono resi ancora più iconici dal commento che circonda questi grandi momenti. E se chiedi a qualsiasi fan che ha visto quella partita in televisione come è successo, ti parleranno dell'iconica chiamata del commentatore Al Michaels mentre la partita si avvicinava alla sua conclusione. "Credi nei miracoli? Sì!" Egli ha detto. È stato un momento che gli appassionati di sport americani non dimenticheranno mai. Coloro che seguivano l'hockey su ghiaccio all'epoca sanno quale traguardo storico sia stato per una squadra americana battere l'Unione Sovietica quella notte.