Gli archivi sportivi – Icone di ginnastica:Kerri Strug

Una delle ginnaste più famose e popolari che il mondo abbia mai visto, Kerri Strug ha affrontato le avversità sin da quando era bambina, e ne è sempre uscita vincente. Competere alle Olimpiadi di Atlanta nel 1996 potrebbe essere stato il coronamento di Kerri Strug, dato che ha vinto l'oro a squadre con gli Stati Uniti, ma è il duro lavoro e la dedizione che ha dedicato al suo sport che la distingue davvero dagli altri prestigiosi campioni della sua generazione. Strug ha iniziato la sua strada verso le Olimpiadi all'età di tre anni, quando ha iniziato ad allenarsi in ginnastica.

Il primo concorso

La prima competizione di Strug arrivò all'età di otto anni e la sua famiglia alla fine si trasferì a Houston, in Texas, per potersi allenare con il famoso allenatore di ginnastica, Bela Karolyi. Ha anche segnato il momento in cui si è unita alla squadra nazionale di ginnastica degli Stati Uniti come membro più giovane. Quando è scesa al tappeto alle Olimpiadi di Barcellona del 1992, Strug aveva solo 14 anni, ma ha aiutato la squadra a vincere una medaglia di bronzo durante quei giochi olimpici. Sfortunatamente, è stata sconfitta dai suoi stessi compagni di squadra nella corsa per competere nelle finali all-around, ma la sua prestazione è stata comunque notevole per una quattordicenne.

Un momento decisivo

Quando il suo allenatore e mentore, Bela Karolyi, decise di ritirarsi dopo i Giochi Olimpici del 1992, Strug si trovò a un bivio. Non era sicura se continuare con la ginnastica o perseguire qualche altro sogno. Alla fine, decise di restare con la ginnastica, poiché era lo sport che amava sopra ogni altra cosa. Ha trovato un nuovo allenatore in Steve Nunno e si è trasferita a Edmon, in Oklahoma, per allenarsi per i prossimi grandi eventi e le Olimpiadi del 1996. Il periodo di tempo tra i due Giochi Olimpici è probabilmente ciò che ha definito l'intera carriera di Strug.

Lesioni sostenute

Durante un evento nel 1994, Strug ha avuto un problema con la sua routine alle parallele asimmetriche, che l'ha portata a liberarsi troppo presto e a perdere il controllo dei suoi movimenti. Il risultato è stato che Struss è atterrato in una posizione scomoda nel bel mezzo di una routine e le ha ferito gravemente la schiena. I suoi compagni di squadra e gli allenatori hanno temuto il peggio in quel momento, ma si è rivelato essere un muscolo gravemente stirato alla schiena. Sarebbe stata in grado di tornare alle competizioni, ma la riabilitazione è stata estenuante e la maggior parte delle ginnaste fatica a recuperare la vecchia forma dopo un grave infortunio.

I Giochi di Atlanta hanno mostrato la resilienza e la tenacia di Keri Strug, perché è riuscita ad aiutare gli Stati Uniti a vincere l'oro a squadre nonostante si fosse infortunata durante il suo primo tentativo di volteggio. Strug si ferì gravemente alla caviglia durante il primo tentativo, ma riuscì a trovare la forza interiore e la tenacia per alzarsi e completare un altro volteggio. Nonostante correndo e saltando su quello che era effettivamente un piede, Strug è riuscita a ottenere un punteggio rispettabile sul suo volteggio, e il suo secondo tentativo è stato sufficiente per portare gli Stati Uniti oltre la linea per l'oro della squadra. È questo tipo di sacrificio e di etica di squadra che ha reso Strug una ginnasta che non dimenticheremo mai.